La città inclusiva al centro del seminario delle Acli di Milano

Leggi il testo

Il cuore del futuro passa per le città. Le prospettive di Milano grande ed inclusiva e il ruolo della società civile” è il titolo del tradizionale seminario di studi delle Acli di Milano, giunto alla trentaseiesima edizione, in programma sabato 12 ottobre.

Presso la sede provinciale in via della Signora, dalle ore 9 alle 13, le Acli milanesi rifletteranno sul ruolo cruciale delle città nella costruzione del futuro sia sul terreno della riconversione ecologica che su quello della riduzione delle diseguaglianze.

Milano è oggi una delle più importanti città metropolitane al mondo, inserita nel C40, la rete globale di grandi città impegnate a realizzare politiche e programmi di sostenibilità a livello locale, che aiuteranno ad affrontare i problemi legati ai cambiamenti climatici su scala globale.

“La metropoli lombarda però – spiega il presidente delle Acli di Milano Paolo Petracca – nonostante le grandi opportunità di sviluppo è attraversata da forti ed eccessive disuguaglianze“.

“Il seminario che proponiamo – prosegue Petracca – si pone l’obiettivo di cercare di capire le dinamiche centrali della città, per comprendere quale contributo le Acli possono dare ed insieme quali sinergie mettere in campo insieme ai nostri partner dentro la società civile”

Con la giornata di studio e di approfondimento del 12 ottobre, inoltre, si aprirà ufficialmente il percorso verso il congresso provinciale del prossimo anno.

I lavori dell’Incontro saranno aperti da Tommaso Vitale, direttore del master sul governo delle grandi aree urbane all’Università Sciences Po di Parigi, e da Alberto Fossati, responsabile dell’ufficio studi delle Acli di Milano.

Nella seconda parte del seminario si svolgeranno i lavori di gruppo, guidati dai responsabili delle aree di interesse e di intervento dell’associazione, affiancati da esperti con i quali le Acli hanno lavorato in questi anni e con i quali ogni giorno sviluppano la propria azione sociale.