Dalle Acli di Rimini una campagna sugli stereotipi di genere

Persone vere, alcune ben note nella comunità locale, che ci mettono di fronte agli stereotipi di genere ancora così radicati quando pensiamo al lavoro: sono i protagonisti della campagna “Che genere di lavoro?” curata dal Coordinamento Donne delle Acli Rimini nell’ambito del progetto “Le imprese delle donne”.

Ci sono Corradino, ostetrico, e Gina, primaria; Sarah Jane, maestra d’orchestra, e Joseph, maestro di scuola; Ferdinando, estetista, e Anna, imbianchina: tutti davanti all’obiettivo per una campagna che partirà il 5 novembre con affissioni, video e post sui social media.

Scopo dell’iniziativa è quello di ribaltare le immagini tradizionali del lavoro e dei ruoli familiari, rompendo la consueta associazione mentale tra una professione e un genere, maschile o femminile. La campagna intende sollecitare una sorta di vuoto concettuale nel quale possa prendere forma in modo creativo un nuovo immaginario dei rapporti tra i sessi e delle professioni.

Parallelamente verranno realizzate iniziative di sensibilizzazione e informazione insieme ai partner del progetto, che raggruppa una nutrita serie di enti locali, associazioni, aziende, istituti scolastici e di formazione.

Il Covid ha costretto a rimodulare le azioni inizialmente in presenza, ma restano saldi i contenuti.

L’associazione DireUomo Rimini, spazio di ascolto per uomini maltrattanti, curerà in particolare gli incontri con le imprese, il management e i dipendenti; l’associazione di promozione sociale Cambia-Menti si occuperà delle attività a distanza con i ragazzi delle scuole superiori; Acli Arte e spettacolo proporrà streaming e programmi televisivi in collaborazione con Icaro Communication.

Il progetto “Le imprese delle donne” delle Acli di Rimini sino a fine anno realizzerà iniziative per intervenire, in modo diretto o indiretto, a favore dell’accesso e qualificazione dell’occupazione femminile in Emilia-Romagna, al fine di favorire la riduzione del differenziale salariale di genere, la diffusione della cultura di impresa tra le donne e di rafforzare il loro ruolo nell’economia e nella società.

All’interno del progetto è stata inoltre redatta la ricerca su donne, lavoro e impresa nel territorio provinciale, realizzata dal sociologo Primo Silvestri, direttore di Tutto Romagna Economia.

Il rapporto verrà presentato giovedì 5 novembre alle 21 con un webinar sul sito delle Acli di Rimini.