Ci lascia Massimo Ceccarelli: Acli di Perugia in lutto

Leggi il testo

Un grave lutto per le Acli di Perugia ma non solo: è improvvisamente scomparso Massimo Ceccarelli, dirigente provinciale, regionale e nazionale dell’associazione.

Nato a Marsciano, 62 anni, Ceccarelli aveva percorso tutti i livelli associativi in quanto presidente provinciale e regionale delle Acli, componente del consiglio e della direzione nazionale.

Importante anche il suo impegno nei servizi: dall’Enaip al Caf Acli e al Patronato, di cui era stato anche componente del consiglio direttivo nazionale.

Nella sensibilità di Ceccarelli non mancava una attenzione alla gestione del bene comune: dopo l’esperienza da assistente parlamentare era stato consigliere, assessore e presidente del consiglio comunale della sua Marsciano.

Massimo è stato partecipe e attivo nella vita delle Acli fino all’ultimo giorno: costantemente presente alle vicende congressuali dell’ultimo anno, solo qualche giorno fa aveva partecipato ad incontri online per lo sviluppo dell’azione associativa.

“Appassionato testimone dei valori cristiani nelle Acli e nell’impegno politico con autentico spirito cristiano – scrivono le Acli di Perugia – Massimo Ceccarelli è stato dirigente autorevole, pietra miliare del movimento, testimone instancabile del fare bene il bene”.

“Hai amato tanto le Acli – ha scritto il presidente nazionale delle Acli Emiliano Manfedonia – fino all’ultimo. Hai costruito, incoraggiato, stimolato, criticato, donato, e lo hai fatto sempre con umiltà. Massimo ameremo le Acli ancora di più, le serviremo ancora più intensamente”.

Per tutti gli amici di Massimo resterà, indelebile, il suo costante sorriso alla vita.