Acli del Piemonte denunciano: “Tanti circoli esclusi dal bonus”

Leggi il testo

Quattrocento circoli che svolgono attività ricreative con servizi di ristorazione, non riescono ad accedere, dopo quasi due mesi, al bonus varato dalla Regione a sostegno della ripresa dell’attività dopo l’emergenza sanitaria: lo denunciano le associazioni del Terzo Settore con in prima file le Acli regionali del Piemonte.

I circoli, nonostante abbiano tutti i requisiti previsti, non vengono ammesse perchè, al contrario di quanto previsto dalla stessa legge regionale, l’accesso alla procedura è previsto per le sole associazioni iscritte ai registri delle imprese presso le Camere di Commercio, ed è escluso per quelle iscritte ai registri delle Aps.

“La legge – spiega la portavoce del Forum del Terzo Settore del Piemonte Anna Di Mascio – ha giustamente riconosciuto l’importanza di queste strutture associative, dei veri e propri avamposti socio-culturali, che costituiscono nei piccoli centri spesso l’unica realtà aggregativa presente”.

“Ad oltre due mesi dall’approvazione del bonus – dice però il presidente regionale delle Acli del Piemonte Massimo Tarasco – e in una fase particolarmente difficile dal punto di vista sociale ed economico, questa impossibilità di accesso per le Aps ad un contributo previsto e deliberato da una legge regionale, sta creando enormi disagi ai nostri Circoli Acli, che stanno facendo fronte con risorse economiche proprie alla messa in sicurezza delle strutture e delle attività in linea con i protocolli sanitari”.

“In una fase difficile dal punto di vista sociale ed economico – aggiungono le associazioni del Forum – è paradossale che si stanzino risorse, che sarebbero preziosissime per far fronte anche alle nuove misure di prevenzione igienico-sanitarie, se poi queste non risultano accessibili a soggetti che hanno i requisiti previsti dalla legge. Il protrarsi di questa situazione sta provocando comprensibili malumori e un senso di sfiducia verso le istituzioni. Ci auguriamo che la Regione metta con estrema urgenza mano al problema e lo risolva indicando la procedura e prorogando i termini per consentire alle Aps di presentare la domanda”.