Zero sprechi in cucina con i Circoli delle Acli di Pesaro

Leggi il testo

Diffondere le buone prassi per una riduzione degli sprechi alimentari: questo l’obiettivo del progetto “Zero sprechi in cucina” promosso dalle Acli di Pesaro in alcuni Circoli della provincia.

Le Acli si sono proposte, attraverso la realizzazione di una serie d’incontri con esperti in materia di alimentazione, chimica degli alimenti ed educazione allo spreco, di sensibilizzare sul tema non solo le famiglie ma anche i bambini.

Il Circolo Acli di Candelara, in collaborazione con la “Casa di Capra e Cavoli 23”, ha organizzato il laboratorio per bambini “Mani in pasta”, a cui hanno partecipato diversi bambini.

E’ stato realizzato un laboratorio con la maestra Eleonora per fare la pasta in casa ed i bambini hanno anche collaborato nella realizzazione della passata di pomodoro.

Il pomeriggio ha avuto seguito con una merenda equa e solidale con prodotti della Cooperativa Gerico.

Il Circolo Acli “G. Toniolo” di Orciano ha organizzato un laboratorio di educazione alimentare rivolto ai bambini della scuola primaria, con prodotti a Km 0 e del commercio equo solidale.

In collaborazione con la Sala della pace è stata anche organizzata una caccia al tesoro contro lo spreco e le cattive abitudini che sono radicate nel nostro quotidiano.

Anche a Orciano l’incontro si è chiuso con un aperitivo, per i bimbi e i genitori, con prodotti a Km 0 e biologici.

Il Circolo Acli di Sant’Andrea in Villis, in collaborazione con le Acli di Lucrezia e con la Parrocchia di Fenile, ha organizzato una serie di incontri per proporre una cucina semplice ed accessibile a tutti.

Oltre al tema della lotta allo spreco gli appuntamenti hanno anche incentivato la pratica della conservazione degli alimenti.

Presso il Circolo Acli di Lucrezia si è inoltre tenuto l’incontro su “Le conseguenze di sprechi ed eccessi a tavola”.

La nutrizionista Alessandra Di Quirico ha trattato le tematiche degli stili di vita e di consumo alimentare, soffermandosi sulla necessità di regimi alimentari equilibrati e mettendo in guardia i partecipanti circa le diete drastiche.

Le Acli di Sant’Andrea in Villis hanno invece incontrato il cardiologo Roberto Ansuini sul tema “Salute, cuore, alimentazione“.

Il medico ha messo in evidenza una serie di malattie cardiovascolari, sottolineando il valore della prevenzione ma anche la “cultura” della corretta alimentazione, dell’attività fisica equilibrata e costante e dell’alleanza continua tra medico e paziente.

Un terzo incontro si è tenuto sempre presso il Circolo Acli di Sant’Andrea in Villis, con lo chef e socio del circolo Acli Franco Mattioli.

L’incontro ha affrontato direttamente i temi della lotta allo spreco alimentare, del riutilizzo e del riciclo del cibo.

Lo Chef ha permesso di riscoprire sia le tradizioni alimentari contadine del passato, sia i piatti più pratici e funzionali della cucina “povera” ma genuina, come i passatelli le tagliatelle, le “crestaiate”, le lasagne, la cacciagione, i minestroni con i più vari cereali e legumi e la frutta.

In un successivo incontro Mattioli ha mostrato come fare un pranzo che possa legare cucina e arte, presentando una serie di sculture a cui hanno collaborato anche i presenti al corso.