Scompare Luciano Pecorari: un vuoto nelle Acli di Ferrara

Leggi il testo

Si è spento nei giorni scorsi Luciano Pecorari, figura storica dell’impegno sociale dei cattolici ferraresi.

Originario di Sermide, nel mantovano, a metà degli anni 50 aveva trovato lavoro al petrolchimico di Ferrara, l’allora Montecatini, e si era trasferito a Pontelagoscuro.

Qui da subito si dedicò ad un forte impegno ecclesiale, sociale e politico, che lo vide protagonista come sindacalista della Cisl, tra i fondatori del Circolo Acli di Pontelagoscuro e poi Presidente provinciale delle Acli ferraresi.

Pecorari fu anche componente delle Commissioni diocesane della pastorale per il lavoro e consigliere comunale della Dc.

La sua nomina, negli anni’70, a Delegato del sindaco a Pontelagoscuro, fatto significativo per un democristiano in un comune solidamente governato dal Pci, rappresentò il riconoscimento unanime della sua dedizione al bene comune, dirittura morale e capacità di fare sintesi politica.

Sentito il cordoglio delle Acli di Ferrara, che si sono strette attorno alla famiglia.