Il Patronato Acli di Palermo oltre le sbarre: servizio al “Pagliarelli”

Anche a Palermo il Patronato Acli entra in carcere: è stato infatti attivato uno sportello del servizio previdenziale e pensionistico presso la Casa Circondariale “Pagliarelli”.

Il “Pagliarelli” è una casa circondariale di grandi dimensioni e di recente costruzione, con circa 1300 detenuti ed oltre 700 agenti di polizia penitenziaria.

L’istituto si caratterizza per oltre 400 detenuti con problemi psichiatrici: 250 di essi versano in situazioni gravi.

Il servizio sarà garantito da un operatore del Patronato Acli che ogni 15 giorni si recherà presso la struttura.

Qui sarà dunque attivo uno sportello di consulenza delle Acli, pronto a fornire risposte in materia di previdenza ed assistenza anche grazie al collegamento diretto con l’Inps.

“Il nostro servizio – spiega il Presidente del Patronato Acli di Palermo Francesco Todaro – nasce dalla convenzione quadro stipulata a livello nazionale e che siamo riusciti ad applicare anche qui. Partiremo con una sperimentazione quindicinale ma, se necessario, intensificheremo e potenzieremo la nostra presenza all’interno del carcere”.